Caro visitatore, questo articolo è parte di un percorso in 9 tappe, dedicate a 9 ambienti, che idealmente ci accompagnerà da qui al 25 marzo.

L’idea è quella di fare compagnia a chi, in piena emergenza Coronavirus e a fronte del DPCM del 12 marzo, si trova a casa e … si interessa di arredo e interior design!

Il tono sarà intenzionalmente più leggero, colloquiale e, se vogliamo, meno professionale rispetto a quello generalmente usato negli articoli di questo blog. E’ il nostro piccolo contributo, il cercare di portare un po’ di leggerezza in questo periodo. Convinti che andrà tutto bene e potremo presto stringerci la mano.

_________________________________________________________________________________________________

16 marzo 2020 – Stavolta scomodiamo addirittura il vocabolario Treccani: il soggiorno è “l’ambiente della casa media moderna […] destinato alla vita diurna della famiglia, ma anche al pranzo e al ricevimento, spesso articolato in vari spazi destinati alle diverse utilizzazioni: leggere, conversare, pranzare, ricevere nel soggiorno”.

Ecco, leggere la definizione ci rende subito chiaro che il soggiorno non è una stanza dedicata ad un’attività ben definita. Bagno = cura personale. Camera = dormire. Cucina = cucinare/consumare i pasti.

Ma in soggiorno che facciamo? Soggiorniamo? Beh, in un certo senso si… considerando il fatto che è LA stanza comune, quella del relax, dell’incontro. E’ una stanza che proprio per la sua funzione deve essere duttile ed adattarsi alle più svariate attività.

Ambienti#2_IlSoggiorno

Diciamocelo, in questo periodo in cui #iorestoacasa … volete farmi credere che non vi siete mai trovati nella situazione in cui TUTTI stanno facendo TUTTO in soggiorno e voi siete costretti a migrare verso altra stanza per poter portare avanti la vostra attività in santa pace? Ecco, se cose di questo tipo capitano anche a voi, avrete sicuramente capito che il soggiorno 2.0 non è più “il salotto” nel quale i nostri avi (anche non tanto avi…) accoglievano gli ospiti principalmente con lo scopo di mostrare sfarzo e benessere. Una stanza immacolata! Nella quale si passava più tempo a pulirla che non a viverla…

No, il soggiorno 2.0 deve essere funzionale. E’ la stanza delle mille attività. Diventa quindi fondamentale calcolare bene gli ingombri e la disposizione delle “zone” del soggiorno dedicate alle varie attività.

Come avviene ormai di norma, il soggiorno è spesso anche sala da pranzo. E la cucina (in questo caso diventa “angolo” cucina) non è poi così distante perché spesso ci troviamo in un’open space in cui la divisione tra la zona pranzo e quella relax è demarcata dallo schienale del divano. Divano che, nel soggiorno 2.0, è di solito posto frontalmente alla TV. In questo modo, divano/TV diventano “LA” zona relax.

Ma attenzione che non stiamo necessariamente parlando di spazi che, in mancanza di muri fisici, vanno progettati basandosi su precostruiti muri mentali. No! Scegliete VOI la disposizione che più si adatta alle VOSTRE esigenze, senza preoccuparvi troppo di quello che dettano le mode e gli standard.

Ambienti#2_IlSoggiorno

Una volta definiti gli spazi di massima, è bene avere chiaro in mente anche lo stile che vogliamo dare al nostro salotto. E nella definizione dello stile diventa importante anche la scelta dei materiali. Che sia classico o moderno, sono molte le soluzioni che il mercato è in grado di proporre.

Se amate il calore del vero legno, potete optare, ad esempio, per dei rivestimenti parete modulari ad effetto mosaico. Questo pannelli sono ottenuti fissando su un pannello “base” dei listelli di legno spaccato di vario spessore, ottenendo così un interessante effetto tridimensionale, come possiamo vedere dal dettaglio mostrato qui sotto. Bello, vero ?

In questo caso si raccomanda la massima attenzione! Il legno è molto bello e l’effetto creato è assolutamente unico. Tuttavia si consiglia di limitarne l’uso a porzioni della stanza: l’angolo caminetto oppure la zona retrostante il televisore, oppure l’angolo lettura. Quattro pareti rivestite completamente in legno potrebbero generare un effetto “casetta in Canadà” (con l’accento sulla “a”) che, se non espressamente voluto, potrebbe risultare stancante nel tempo.

Ambienti#2_IlSoggiorno

Un buon compromesso tra leggerezza e funzionalità potrebbe essere l’utilizzo di pannelli decorativi, (che possono essere utilizzati anche per la produzione degli arredi!!) che danno la possibilità di scegliere tra un’infinità di decori e finiture, giocando su sensazioni di legno, pietra, metallo o tinta unita. L’unico imbarazzo sarà la scelta.

Ricordatevi tuttavia che, in generale, pareti più chiare renderanno la stanza più luminosa e faranno apparire lo spazio più grande.

Abitazione Privata

E fate attenzione alla luce! Qualunque sia il vostro ideale di soggiorno, un ambiente luminoso è piacevole e accogliente, in particolare se baciato dalla luce naturale. Porte e finestre che garantiscano la massimizzazione della luce del sole vi permetteranno anche di limitare l’uso della luce artificiale (con benefici anche per il portafoglio).

Comunque sia, rilassatevi! Progettare il soggiorno è niente in confronto a quello che viene dopo… la battaglia per la conquista della Penisola del Divano sta per iniziare !

Se vuoi saperne di più sui rivestimenti modulari in legno, clicca QUI.

Se vuoi vedere un esempio di utilizzo, clicca QUI.

Si ti piacerebbe vedere un soggiorno molto elegante, clicca QUI.

Vuoi dare un’occhiata ad una bella selezione di decori con i quali realizzare mobili o complementi ? Puoi scegliere tra Swiss Krono ed Egger .

Se invece vuoi farti un’idea generale dei materiali che possiamo proporre, vedi QUI.

© 2020 Italignum srl. Tutti i diritti riservati. | Siti Web Padova